Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Donazione di Terni col cuore all'ospedale Santa Maria di tre apparecchiature per la Pedritria

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Il reparto di Pediatria dell’ospedale Santa Maria avrà tre nuove apparecchiature, grazie al gran cuore dei tifosi ternani e, soprattutto, del presidente della Ternana, Stefano Bandecchi. “Terni col cuore” è infatti l’associazione con scopi benefici, fortemente voluta proprio dal numero uno rossoverde, che ha donato all’azienda ospedaliera un rianimatore neonatale (il “Resusci Flow”), una lampada scialitica e un carrello in acciaio, per una spesa di quasi 5 mila euro, 4 mila dei quali frutto della vendita all’asta delle maglie della Ternana della finale di Coppa Italia con la Juventus Under 23, dello scorso giugno.

“Avevamo fatto realizzare delle maglie personalizzate con l’intento poi proprio di metterla all’asta per beneficenza - spiega il vice presidente del club rossoverde, Paolo Tagliavento - e i tifosi rossoverdi hanno risposto alla grande, come da par loro. E’ l’ennesima conferma del legame inossidabile tra la Ternana calcio, la sua tifoseria e l'intero tessuto sociale e urbano della città che rappresentiamo, specie in un momento tanto difficile come quello che stiamo vivendo”.

La simbolica consegna delle tre apparecchiature è avvenuta mercoledì, presenti lo stesso Tagliavento, quale presidente di Terni col cuore, il commissario straordinario del Santa Maria, Pasquale Chiarelli, il direttore sanitario, Sandro Vendetti, il direttore del dipartimento materno infantile, Leonardo Borrello, e la direttrice del reparto di pediatria neonatologia Tin, Federica Celi. Terni col cuore è finanziata da patron Bandecchi con 500 mila euro all’anno per i prossimi tre anni, dopo che lo stesso numero uno aveva effettuato donazioni all’ospedale a titolo personale per 80 mila euro, dall’inizio della pandemia.

L’associazione sostiene famiglie in difficoltà con buoni spesa e aiuti a 360 gradi, quando è possibile anche di opportunità lavorative, e ha già finanziato il progetto “Oltre il blu” per aiutare 13 famiglie di bambini autistici. “In un momento come questo - dice il commissario Chiarelli - sentire vicina la città è fondamentale, per tutti coloro che lavorano in ospedale. La Ternana e i ternani dimostrano così vicinanza e sostegno ai nostri medici, infermieri e oss, impegnati davvero al limite delle possibilità umane”.