Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni: anziano truffato, prende finto mutuo e gli rubano diecimila euro. Due arresti

L'uomo, un 65enne, aveva creduto che alla fine del pagamento delle rate sarebbe divenuto proprietario di un immobile

  • a
  • a
  • a

Per mesi hanno aiutato un anziano nella gestione della casa e con piccoli lavoretti. Poi, una volta conquistata la sua fiducia, gli hanno fatto prendere un finto mutuo per acquistare una casa, intascando però i soldi delle (finte) rate.

E’ scattato così l’arresto per una coppia di giovani ternani, trent’anni lui e ventisette lei, entrambi già noti alle forze dell’ordine. Ad eseguire le ordinanze di custodia emesse dal tribunale di Terni nei loro confronti sono i carabinieri del comando di Papigno: custodia cautelare in carcere per V.C., nato a Terni nel 1990, già detenuto per altre vicende nell’istituto di pena di vocabolo Sabbione; arresti domiciliari invece nei confronti di A.J., nata a Terni nel 1993, anche lei già nota alle autorità.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri i due, in concorso tra loro, si sono procurati un indebito profitto, pari a circa cinquemila euro a testa, abusando dello stato di malattia e di sofferenza della vittima, un uomo di 65 anni. La truffa è durata alcuni mesi ed è stata architettata dopo che i due ragazzi sono stati presentati all’uomo, bisognoso di qualcuno che lo sostenesse nei lavori di casa e nelle attività di tutti i giorni. I due si sono subito proposti e all’inizio andava tutto bene, tanto che l’uomo ha preso anche il domicilio nell’abitazione dei due. Poi però l’accensione del finto mutuo, tramite cui il 65enne – questo è quanto gli era stato fatto credere – sarebbe dovuto diventare proprietario di un immobile. Fino all’amara scoperta dei carabinieri: le rate finivano sul conto corrente dei due che fino a quel punto avevano intascato quasi cinquemila euro a testa.