Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ognissanti e visite al cimitero, in aumento il costo dei fiori: "La concorrenza dei supermercati è difficile da battere"

 Giulia, di Fiori e creazioni di Giulia

  • a
  • a
  • a

A Perugia c’è fila da fare nei negozi di fiori dei cimiteri. Le persone, anche con mascherina calata in volto e a un metro di distanza, non rinunciano a portare un fiore sulle tombe dei loro cari per le tradizionali ricorrenze di Ognissanti e Morti. Gli aumenti dei prezzi però non risparmiano crisantemi e ciclamini. “Con il Covid hanno chiuso molte aziende, dopo il primo lockdown, e quest’anno si registra un 20/30% di aumento - racconta Giulia, titolare di Fiori e creazioni di Giulia al cimitero monumentale -. A peggiorare le cose ci sono pure i supermercati. Per noi piccoli esercenti è una concorrenza difficile da battere: un mazzo di crisantemi nella grande distribuzione costa la metà e noi non possiamo farcela”. Prezzi poco attrattivi, concorrenza e qualche chiusura imposta dalle ordinanze anti contagio, ma il viavai non manca nei banchi allestiti fuori dagli stand per ragioni di sicurezza. “Si vedono meno anziani, ovvio - prosegue Giulia -, ma il flusso della clientela più giovane tiene ancora”.