Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il mercato coperto di Perugia ancora bloccato, restano i problemi al lucernaio: lavori affidati a un'altra ditta

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Il Mercato coperto resta bloccato: non funziona ancora il lucernario semovente. Si apre ma poi non si chiude come dovrebbe. 
Per questo, dopo anni di ritardi, Palazzo dei Priori prova l’ultima carta:dare l’ok alla ditta che ha vinto l’appalto ad affidare (in subappalto) i lavori della copertura in ferro a una società umbra specializzata, sperando che questa risolva il problema. 
E’ di ieri la determina che autorizza ditta Venturelli Romolo Srl, “esecutrice dei lavori per la realizzazione della nuova copertura mobile nell’ambito dell’intervento di rifunzionalizzazione del Mercato Coperto”, a subappaltare le lavorazioni “necessarie per il ripristino meccanico della copertura mobile già installata, alla ditta Cosfer di F. Cavalaglio & D. Barbieri con sede a Ponte Valleceppi, per un importo complessivo presunto di € 41.500 euro”. 
E’ stata la stessa ditta aggiudicataria a richiedere l’autorizzazione “a subappaltare alcune lavorazioni relative al ripristino meccanico della copertura mobile, a seguito di malfunzionamenti riscontrati nelle fasi finali di installazione del manufatto”. I lavori riguardano la “posa in opera di policarbonato, squadrette di irrigidimento binari e relativi supporti, montaggio sistema scorrimento, motorizzazione, realizzazione impianto elettrico”. Dopo tre anni la quadra non è stata ancora trovata. Con tutto il progetto della rifunzionalizzazione del Mercato coperto rimasto bloccato. Era il 7 agosto del 2017 quando il Comune ha approvato il progetto della copertura mobile per un costo complessivo di 358.949,25 euro. Poi il montaggio e i problemi di funzionamento. Risultano conclusi invece i lavori per le scale mobili interne.
I ritardi sui cantieri hanno risentito anche dello stop imposto dal Covid. La riqualificazione dell'immobile doveva essere ultimata a gennaio 2018. L'ultimo annuncio era per lo scorso aprile. La gestione, già affidata, attende invano da mesi la consegna dell’immobile.