Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Superbonus al 110%, primi cantieri in Umbria: nascono i consorzi di professionisti

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Sono partiti i primi cantieri in Umbria per il superbonus al 110%
Ne sono già attivi due a San Venanzo e Foligno, sul fronte risparmio energetico. Per gli adeguamenti sismici sono pronti lavori per immobili a Bevagna, Marsciano, San Venanzo e Foligno. La ditta che ha avviato i lavori è la Vital srl .Sinda agosto, ha messo in piedi un gruppo multidisciplinare fatto di avvocati, geometri, architetti, tecnici contabili, amministratori di condominio e un notaio per districarsi nelle normative del decreto rilancio del 17 luglio. La normativa è stata letta ed esaminata da più punti di vista. Questo,con lacollaborazione di società leader nel settore edile, ha permesso alla Vital di rendere operativi i primi cantieri del cuore verde che beneficiano del superbonus.
Questa normativa prevede la maturazione del credito di imposta fino al 110%, da ripartire in 5 quote annuali di pari importo per alcuni interventi di efficientamento energetico (dal cappotto esterno al rifacimento del tetto) e riduzione del rischio sismico. Ma l’aspetto più importante della norma è relativo alla possibilità offerta dall'articolo 121 che prevede la possibilità di optare per lo sconto in fattura E/o la cessione del credito alle banche. LA Vital srl, che funge da general contractor, ha preliminarmente siglato un accordo con Banca Intesa per la cessione finale del credito di imposta ottenuto applicando lo sconto in fattura ai committenti che scelgono tale forma di pagamento. 
A San Venanzo sono iniziati da circa un mese i lavori sul fronte ecobonus per una casa bifamiliare. A Foligno è interessato un condominio con otto unità. I lavori in subappalto sono in capo, prevalentemente, alla ditta del Geometra Stefano Romano. Per Ance Umbria, l'associazione del costruttori edili, si tratta ancora di casi pilota. "Al momento la gran parte delle nostre imprese", fa sapere il direttore regionale Ance, Walter Ceccarini, "è in una fase di studio. I tempi si preannunciano lunghi soprattutto per il sisma bonus: per avere le autorizzazioni occorrono mesi. Ma anche per l'ecobonus siamo indietro. Stiamo lavorando alla costituzione di reti di imprese e professionisti, in accordo col sistema bancario". Quello che Vital ha già pensato e messo in pratica una volta emanato il decreto. Anche altre realtà sul territorio hanno avviato l’iter dei lavori, soprattutto sul fronte ecobonus, attivando sinergie per concludere le pratiche. Il passaggio più complesso prima di allestire il cantiere. Le opere di miglioramento devono essere realizzate nel periodo compreso tra il 1 luglio del 2020 e il 31 dicembre 2021.