Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, due condanne e tre assoluzioni per il crac del salumificio Cassetta

  • a
  • a
  • a

Due condanne e tre assoluzioni: è questa la sentenza emessa dal Tribunale di Terni in composizione collegiale, venerdì 9 ottobre, in merito alla vicenda del fallimento del salumificio Cassetta di Arrone. A cinque anni di distanza dai rinvii a giudizio, con le indagini partite nel 2011 e condotte dal pm Elisabetta Massini e dalla squadra mobile di Terni, il Tribunale ha condannato l'ex patron Antonio Cassetta a tre anni di reclusione ed il nipote Marco Cassetta a due anni, pena sospesa per entrambi. Assolti con formula piena la figlia di Cassetta, Alessia, così come l'attuale sindaco di Polino, già consulente finanziario del gruppo, Remigio Venanzi e anche l'imprenditore Arturo Corbelli, ex fornitore del gruppo alimentare Cassetta. I reati contestati erano tutti di carattere fallimentare.