Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

E' made in Umbria l'ulivo che batte la Xylella

Si tratta della Favolosa, una varietà di olive in grado di resistere al fastidioso batterio. 

  • a
  • a
  • a

Una scoperta fatta una trentina d’anni fa in Umbria e che da un paio d’anni si candida a bloccare la Xylella in Puglia. Si tratta della Favolosa, una varietà di olive che, da quanto si sta sperimentando nel tacco d’Italia, resiste al fastidioso batterio
Laddove c’erano ulivi ingialliti, a Casarano, adesso si può produrre olio nuovo grazie alla Favolosa, scoperta una trentina di anni fa d Giuseppe Fontanazza, all’epoca direttore dell’Isafom del Cnr di Perugia e brevettata dallo stesso Cnr, con licenza esclusiva ceduta a tre vivai in Umbria (Agricola Faena), Puglia (Oliveti d’Italia) e Sicilia (Vivaio Russo). Questa scoperta, partita proprio dall’Umbria e i successivi studi hanno ridato una speranza e un futuro a un territorio come quello pugliese che, nonostante il decremento degli ultimi anni, resta il maggiore produttore con 101 mila tonnellate a fronte delle 235 mila del paese. 
Ad oggi le previsioni per la raccolta appena iniziata parlano di un calo del 51% in Puglia e del 36% a livello nazionale, visti gli importanti decrementi a due cifre soprattutto nelle regioni del Sud d’Italia.