Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cassa integrazione Covid alla Idelfab. Ammortizzatori sociali per 569 lavoratori fino al 15 novembre

Eirene Mirti
  • a
  • a
  • a

E' stata firmata la cassa integrazione Covid 19 per la Indelfab, ex Jp Industries. Una proroga che coprirà i lavoratori fino al 15 novembre. E’ frutto di un accordo fra le parti che conduce al ritiro, da parte della proprietà dell’azienda, della procedura di mobilità per i quasi 600 operai degli stabilimenti di Nocera Umbra e Fabriano. Sembra essersi concretizzato, dunque, quanto concordato negli ultimi incontri con il ministero dello Sviluppo economico.

Sul versante cassa integrazione, dunque, i lavoratori vedranno il proseguo della cassa Covid per dieci settimane, che partiranno in maniera retroattiva dal 7 settembre (termine della cassa precedente) fino al 15 novembre. Successivamente si tornerà al ministero per dare continuità agli ammortizzatori sociali; fra le ipotesi uscite dagli incontri, quella della cassa integrazione per cessazione dell’attività fino maggio.

Contestualmente all’avvio delle dieci settimane di cassa Covid, da parte dell’azienda c’è il ritiro della procedura di mobilità per l’intera forza lavoro, 569 dipendenti, così come previsto dagli accordi. Anche se rimane un dubbio. La postilla finale all’accordo recita così: “qualora non si concretizzino a breve termine opportunità di reimpiego dei lavoratori e/o di reindustrializzazione dei siti produttivi, l’azienda procederà alla apertura di una nuova procedura di mobilità che interessi la residua forza lavoro”.

Ancora: “questo primo passaggio, avvenuto in sede sindacale, costituisce un passo importante per il sostegno delle persone. Successivamente sarà necessario tornare al ministero del Lavoro per dare continuità attraverso la Cigs”, spiega in una nota la Fiom di Ancona, che ritiene “fondamentale utilizzare queste poche settimane per individuare percorsi di reindustrializzazione. È indispensabile continuare con un percorso in sinergia tra le parti sociali e le istituzioni”.

Intanto, la forza lavoro della Indelfab diminuisce. Nell’ultimo periodo, sono 14 le persone che hanno scelto di andarsene. Dai 700 dipendenti iniziali, la forza lavoro è scesa agli attuali 569, di cui 273 a Nocera Umbra (11 impiegati e 262 operai) e 296 a Fabriano (3 quadri, 28 impiegati, 265 operai).