Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni: allagamenti a Borgo Rivo, l'assessore Salvati: “Rete fognaria inadeguata”

L'esponente della giunta comunale spiega che il problema “deriva innanzitutto dalle scelte urbanistiche compiute decenni fa”

  • a
  • a
  • a

“A Borgo Rivo il problema degli allagamenti deriva innanzitutto dalle scelte urbanistiche compiute decenni fa e dal mancato adeguamento della rete fognaria di scarico, rispetto al maggior carico urbanistico. Questa rete fognaria è in parte ancora mista, con le acque bianche e le acque nere: in occasione di forti temporali o bombe d’acqua si arriva a una saturazione della sezione idraulica, con la fognatura che va in pressione facendo saltare i chiusini”.

L’assessore all’urbanistica del Comune di Terni, Benedetta Salvati, interviene sugli allagamenti di sabato 3 ottobre 2020 a Borgo Rivo, in particolare in piazza Marinai d’Italia, oggetto di un attacco dell’opposizione di centrosinistra. Salvati chiarisce, in sostanza, che “non è un problema di manutenzione ordinaria, quanto piuttosto di una questione infrastrutturale che quel quartiere si trascina dietro da anni. Cosa si sarebbe potuto fare, cosa si sta facendo? Certo, si sarebbe potuta programmare meglio l’urbanizzazione di quell’area oggi a forte densità abitativa. Chi ha amministrato la città per vent’anni consecutivi, nonché per i decenni precedenti al 1993, ha avuto tutto il tempo per farlo. Si sarebbe potuto intervenire con i mutui, quando l’ente non era in dissesto”.

L’assessore spiega che in settimana si confronterà con il Sii ma che, in ogni caso, “i finanziamenti necessari per un intervento risolutivo si aggirerebbero, secondi i tecnici sui 10 milioni di euro”.