Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nuovo Curi, sopralluogo per decidere sul futuro dello stadio

Delegazione del Comune e della Cassa Depositi e Prestiti a Pian di Massiano

  • a
  • a
  • a

Una delegazione del Comune di Perugia e della Cassa Depositi e Prestiti ha effettuato, sabato mattina, un sopralluogo a Pian di Massiano per decidere sul nuovo Curi. In particolare si stanno vagliando le tre opzioni che sino a questo momento sembrano possibili e che sono state già discusse nel corso di un incontro che si è tenuto venerdì nella Sala Rossa di Palazzo dei Priori alla presenza, oltre che del sindaco Andrea Romizi, degli assessori Clara Pastorelli, Margherita Scoccia, Cristina Bertinelli e del consigliere comunale delegato agli impianti sportivi, Federico Lupatelli. Tre opzioni al vaglio, si diceva, intorno alle quali ancora vige stretto riserbo. Una di queste, però, sarebbe quella di lavorare sull’impianto esistente in maniera tale da renderlo più consono a quelli che sono i nuovi obiettivi che ci si propone. Se il ragionamento si sposta su un nuovo impianto, di certo al momento c’è soltanto il nome che resterà intitolato a Renato Curi. Cassa Depositi e Prestiti, che ha portato avanti uno studio statistico molto preciso , pensa a una capienza da 12 mila persone che potrebbe essere aumentata di 4.500 unità. L’amministrazione comunale, invece, aveva in mente un impianto capace di accogliere tra i 16 mila e i 20 mila spettatori, con caratteristiche adatte alla serie A e alle regole della Uefa. Ma anche dotato di copertura, per adibirlo a funzioni culturali e ricreative, dai concerti alle manifestazioni cittadine. con l’obiettivo di far vivere la struttura tutto l'anno. Per fare tutto questo si dovranno recuperare tra i trenta e i trentacinque milioni ma resta il nodo del come. Sulle ipotesi progettuali, però, al momento dal Comune nessuno si sbilancia. “Ne parleremo tra un paio di mesi e coinvolgeremo la città per ascoltare tutte le proposte. Ci saranno incontri pubblici”, ha già annunciato l’assessore Pastorelli.