Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scandalo Suarez, l'anno orribile della rettrice Giuliana Grego Bolli

  • a
  • a
  • a

Si era insediata nel novembre 2018 mostrando una grinta quasi fuori dal comune. Ma per lei, Giuliana Grego Bolli, l’essere diventata rettrice dell’Università per Stranieri di Perugia si è rivelata quasi una maledizione che trova il suo apice proprio nell’anno in corso, il 2020. E’ il 28 gennaio quando convoca una conferenza stampa dopo che sul quotidiano La Repubblica era uscito un articolo dal titolo emblematico: “La crisi dell’Università per Stranieri tra bilanci in rosso e indagini della Finanza”. Ferma la posizione della rettrice: “L’Università per Stranieri è ingiustamente sotto attacco. E con essa il territorio umbro e la città di Perugia. Siamo noi ad aver riscontrato e documentato alla Procura e alla Corte dei conti le responsabilità della passata governance e la gestione amministrativa lacunosa”. L’indagine, ironia della sorte, è quella che porterà alla luce l’esame “taroccato” di Suarez. Nel mezzo c’è l’emergenza legata al Covid che sull’ateneo umbro ha ripercussioni forse più gravi che altrove anche per la presenza di numerosi studenti cinesi. Tocca ancora alla rettrice rimarcare che nessuno di loro viene dalla provincia dove c’è stato il focolaio del virus che sta allarmando il mondo ma la preoccupazione in molti resta. Poi l’Università per Stranieri si vede costretta - come tutti gli altri atenei italiani - a optare per la didattica a distanza. “Mai persa neanche un’ora di lezione”, ci tiene a sottolineare Grego Bolli. Che anche adesso, indagata per l’affare Suarez, affida il suo pensiero a una striminzita nota stampa: l’Università per Stranieri di Perugia ribadisce la correttezza e la trasparenza delle procedure seguite per l’esame sostenuto dal calciatore Luis Suarez e confida che ciò emergerà con chiarezza al termine delle verifiche in corso.