Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, aggredito perché prende il caffè senza mascherina

  • a
  • a
  • a

Ha cercato di prendere a testate un uomo che stava prendendo un caffè al bar della stazione e che, in quel momento aveva abbassato la mascherina. All’assurda aggressione ha assistito un ferroviere che è subito uscito nel piazzale chiedendo aiuto. Immediato l’intervento di una pattuglia della squadra volante che si trovava in servizio in quel punto, proprio per il rafforzamento dei controlli voluto dal questore, Antonio Sbordone. Gli agenti, alla guida del commissario Monica Corneli, hanno dunque subito cercato di fermare l’aggressore, un 22enne di origine gambiana che recriminava all’ addetto delle pulizie dei servizi ferroviari di aver abbassato la mascherina. A quanto pare dimenticandosi che, proprio lui, a giugno, era stato sanzionato per aver violato le disposizioni per il Covid. Non solo, nell’estate era stato anche arrestato per una rissa in centro, ma era già libero. 
Il ragazzo, regolare in Italia, è risultato in stato di ebbrezza alcolica e forse anche sotto l’uso di stupefacenti.Quando gli agenti hanno cercato di calmarlo, dopo che la vittima - un uomo sulla cinquantina - era caduta a terra rovinosamente, il gambiano ha quindi iniziato a prendersela con gli agenti, dando calci e pugni a destra e a manca e cercando di scappare. 
I poliziotti lo hanno dunque rincorso e fermato, dovendo ricorrere all’uso delle manette vista la foga con cui reagiva. Nel tentativo di evitare l’arresto, il 22enne ha spaccato la fondina di un agente e ne ha feriti due causando loro una prognosi di 10 giorni ciascuno. Il 22enne, con precedenti di polizia per rissa, lesioni e spaccio, è stato dunque arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni finalizzate alla resistenza e danneggiamento aggravato. 
Ieri mattina l’uomo è stato giudicato per direttissima e condannato a un anno di reclusione. Ovviamente, pena sospesa.