Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Omicidio di Ferragosto, quarto arresto. Preso in Germania un rumeno, colpì Filippo Limini al volto

  • a
  • a
  • a

Sarebbe stato arrestato in Germania il quarto indagato per la morte di Filippo Limini Senapa, il 25enne di Spoleto ucciso la notte di Ferragosto a Bastia Umbria. Una notizia al momento non confermata dagli ambienti investigativi assisani, ma rimbalzata con forza dalla Germania. L’arresto sarebbe avvenuto non per l’omicidio, ma per altri reati. Il giovane, di nazionalità rumena, secondo una prima ricostruzione, avrebbe colpito al volto Filippo con un calcio e si sarebbe accanito sul 25enne spoletino dopo che questi era stramazzato a terra. I due gruppi, quello degli spoletini e quello dei bastioli, avrebbero cominciato a bisticciare nel locale. La rissa poi si sarebbe spostata fuori; ad avere la peggio il giovane spoletino che, mentre si trovava a terra colpito da calci e pugni, è stato investito dall’auto guidata dal diciannovenne Brendon Kosiqi, in cui c’erano anche Denis Hajderlliu, 18 anni, e Kevin Malferteiner, 24 anni, prima in retromarcia, poi una seconda volta. All’arrivo dei soccorsi, era già morto. Ai tre giovani, il pm Paolo Abbritti contesta la rissa aggravata e l’omicidio preterintenzionale. Kosiqi ha dichiarato di aver messo la retromarcia ma di non essersi accorto di aver travolto la vittima. I tre giovani sono difesi dagli avvocati Delfo Berretti, Luca Maori e Daniela Paccoi.