Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia 1416 al via tra reale e virtuale

  • a
  • a
  • a

Tutto pronto per la quinta edizione di Perugia 1416 in programma, tra virtuale e reale, da venerdì a domenica, attraverso una formula completamente rimodulata a causa del Covid-19. Nello specifico si chiamerà “#Medievalweb” l’iniziativa di quest’anno realizzata dall’associazione Perugia1416 con i cinque Rioni. 
L’evento, che dovrà fare a meno per quest’anno alle sontuose sfilate e alle gare, è stato presentato ieri alla sala dei Notari, e ha visto la partecipazione dell’assessore comunale alla Cultura, Leonardo Varasano, del consigliere comunale delegato del sindaco a Perugia1416, Roberta Ricci, della presidente dell’associazione Perugia 1416, Teresa Severini, dello storico medievale Tommaso di Carpegna Falconieri, del coordinatore artistico della rievocazione, Stefano Venarucci, e dei rappresentanti dei cinque Magnifici Rioni. La presentazione si è aperta svelando il Palio 2020, scelto fra le proposte presentate dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” che hanno partecipato al bando. 
La scelta della giuria del concorso, coordinato da Stefano Mosena, è caduta su frate Felix Marian Blaj, al terzo anno di Pittura. Premiato per l’opera dal titolo “Bracchium forte parvum gladium longum reddit” (“Un braccio coraggioso rende lunga una spada corta”), ha ricevuto in premio dall’associazione una somma di 500 euro. Il Palio sarà donato alla Città di Perugia. È stato poi illustrato nel dettaglio il programma, ricco e variegato, delle “tre giornate” di #Medievalweb. Grande novità dell’edizione 2020 è “Braccio 3.0”, docufiction con protagonisti Tommaso di Carpegna Falconieri, Franco Ivan Nucciarelli e Luca Petrucci, che ne hanno curato i soggetti, mentre a Stefano Venarucci è stata affidata la regia. Una produzione che ripercorre la vita del condottiero. La si potrà vedere, in anteprima su UmbriaTV, venerdì alle 22, sul canale 10 del digitale terrestre, subito dopo il talk show dedicato alla rievocazione (alle 21). Tra gli altri appuntamenti: “Il Medioevo a tavola”, cinque ricette abbinate ai cinque Rioni, attraverso uno show-cooking di Giovanni da Montemalbe; “Amor mi fa cantar… alla città di Peroscia!”, concerto di musica medievale offerto dall’ensemble di musica antica I Trobadores, eseguito alla sala dei Notari. 
Si potranno anche rivivere momenti curiosi delle precedenti edizioni con la seconda edizione della mostra fotografica Altera Effigies, ma anche scoprire le proprie radici con “Perugia: cinque i suoi Rioni, che sono gente, che sono luoghi, che sono storia”. Ai piccoli è dedicata la fiaba medievale “L’aquila d’oro” spettacolo di ombre, pupazzi e attori con Mario Mirabassi del Tfu. 
Un corollario di appuntamenti, visibili sul web attraverso i social di Perugia 1416 (pagina Facebook, YouTube e Instagram) e il nuovo sito www.perugia.1416.com. Inoltre la Confraternita del Sopramuro organizza la visita guidata “Braccio da Montone a Perugia. La storia e i luoghi del condottiero”. L’appuntamento è per sabato, in due turni: uno alle 10,30 e uno alle 16.