Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, torna lo Sbaracco nell'Acropoli

  • a
  • a
  • a

L’acropoli si prepara allo Sbaracco, il saldo dei saldi, appuntamento che da sempre porta bene al commercio. “Anche se in epoca Covid, siamo speranzosi”, dichiara Giuseppe Capaccioni, delegato di Confcommercio per il centro storico. “Quest’anno i saldi ufficiali sono stati fatti da agosto anziché da luglio, per cui contiamo su questo momento di fine stagione”. 
Così, oggi e domani la Festa del piccolo commercio trasformerà le vie e le piazze in un vero e proprio mercato delle eccellenze e delle occasioni all’aria aperta: abbigliamento, accessori e calzature, beni per la persona, profumi e articoli per il benessere, articoli da regalo, occhiali, artigianato, giocattoli e tanto altro. Si inizia alle 10. 
I negozi e le botteghe di corso Vannucci e vie limitrofe, via dei Priori, via Oberdan, corso Cavour, via Marconi e viale Indipendenza apriranno il consueto banco in strada, davanti alle vetrine, per esporre i prodotti, con promozioni, sconti, offerte particolari. Tutto nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia di contenimento del Covid-19.
Novità di questa edizione è la Festa del gelato. In occasione della due giorni, infatti, le gelaterie del centro storico proporranno il proprio Cono Sbaracco riservato ai bambini fino a 10 anni al prezzo speciale di un euro. L’elenco completo dei negozi e delle gelaterie aderenti allo Sbaracco sarà pubblicato sui canali social Perugia in centro e Enjoy Perugia. Le attività ufficialmente aderenti sono solo quelle che espongono la locandina dell’evento. In caso di maltempo Sbaracco è confermato e si svolgerà all’interno dei negozi. Ieri in piazza della Repubblica intanto è stata allestita la postazione di Mascheradio, la radio cittadina promossa dal Comune dopo un primo esperimento fatto sotto il lockdown. Capofila è Umbria Radio, che presta le frequenze. In campo esponenti del mondo della cultura e della musica con il sostegno dei commercianti della zona. Nulla di fatto, invece, per il mercatino dell’antiquariato di fine mese. “Nessuna richiesta è pervenuta agli uffici comunali da parte degli organizzatori”, informa l’assessore al commercio Clara Pastorelli