Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orvieto, ok della giunta ai lavori alla piscina comunale per 130 mila euro

Concesso il via libera al progetto definitivo-esecutivo per l'intervento di riqualificazione energetica della centrale termica e del sistema di riscaldamento dell'acqua

  • a
  • a
  • a

Sì della giunta comunale di Orvieto al progetto definitivo-esecutivo per l’intervento di riqualificazione energetica della centrale termica e del sistema di riscaldamento dell’acqua della piscina comunale. All'impianto natatorio in località La Svolta è stato destinato il contributo di 130 mila euro, messo a disposizione dal ministero dell’Interno.

L’intervento previsto nel programma triennale dei lavori pubblici 2020-2022, nell’elenco annuale 2020 e nel bilancio di previsione 2020, recentemente approvati dal consiglio comunale, prevede la riqualificazione energetica della centrale termica e del sistema di riscaldamento dell’acqua della piscina comunale attraverso la sostituzione degli attuali generatori di calore con altri di ultima generazione del tipo a condensazione ad alto rendimento. Ma anche la completa sostituzione del sistema di distribuzione primario del fluido termovettore con nuove tubazioni coibentate e la sostituzione dell’attuale canna fumaria in cemento con una analoga in acciaio.

“Questo – sottolinea l'assessore Piergiorgio Pizzo, titolare delle deleghe alla Programmazione, Bilancio e Lavori pubblici – è il primo tassello di una più ampia riqualificazione dell’impianto per renderlo sempre più fruibile al pubblico. Ormai la piscina comunale ha bisogno di importanti interventi di manutenzione come tutto il patrimonio immobiliare che, negli anni, è stato lasciato a se stesso”.

Nell’ultimo bilancio, l'amministrazione comunale ha stanziato la somma di 500 mila euro per le spese di manutenzione degli immobili comunali nella convinzioni che le strutture necessitassero di interventi ordinari. “Tuttavia – spiega l'assessore – andando a verificare lo stato delle strutture e gli interventi di cui avevano bisogno, ci siamo accorti che l’incuria precedente ha trasformato quello che era manutenzione ordinaria in manutenzione straordinaria”.

Per questo la giunta con una delibera d’urgenza ha ridefinito la “corretta imputazione” delle risorse stanziate per la manutenzione degli immobili, indirizzando le risorse per 300 mila euro sui lavori di manutenzione straordinaria delle scuole e per 100 mila euro sulla manutenzione dei cimiteri comunali. Nel capitolo di bilancio, restano 100 mila euro per la manutenzione degli impianti sportivi. Compresi quelli di frazioni come Canale – oggetto giusto un mese fa di un'interpellanza presentata dal capogruppo del Gruppo misto, Stefano Olimpieri – che “versano da troppo tempo in condizioni di degrado”