Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, per il sistema di previsione regionale ci sono 257 positivi asintomatici

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Sono 257 gli asintomatici stimati in Umbria, stando alla curva dei contagi aggiornata ai dati di luinedì 24 agosto. E’ la simulazione effettuata dal sistema Seirl in uso dall’inizio della pandemia al Nucleo epidemiologico istituito dalla Regione Umbria. 
I 257 asintomatici si calcolano sui 175 attualmente positivi accertati ieri con test e tamponi. Proprio in base all’indice di contagio e ai numeri dei contagiati effettivi scatta la simulazione del sistema informatico, che tiene conto anche delle variabili legate ai singoli focolai riscontrati in Umbria. 
Dei 257, una larga fetta, pari a 207, si riferisce ai cosiddetti “pauci-sintomatici”, ossia coloro che riscontrato sintomi molto lievi. Cinquanta invece i positivi stimati con assenza totale di sintomi. Il modello Seirl è stato sviluppato dal gruppo epidemiologico della Regione Umbria su mandato della direzione Salute. E’ stato utilizzato nella fase dell'emergenza Covid 19 per la predizione di scenari evolutivi e del carico ospedaliero. Insieme al metodo pubblicato le scorse settimane sulla rivista Frontiers per la calibrazione di modelli matematici complessi, il Seirl è stato inviato  alla  20esima “International conference on bioInformatics and bioengineering” che si terrà in videoconferenza dal 26 al 28 Ottobre 2020 negli Usa. L'approfondimento, coordinato da Fortunato Bianconi - ingegnere di sistemi che ha predisposto il Seirl e neo amministratore di Umbria digitale - è stato portato avanti da Chiara Antonini e Sara Calandrini nell’ambito delle attività di ricerca di un apposito dottorato attivato con l’Università degli studi di Perugia. Il dossier in questione valuta l'approccio usato durante l'emergenza in Umbria per un’analisi del panorama nazionale delle componenti che più hanno influito nel contenimento dell’epidemia a livello regionale. Il modello è stato elaborato in collaborazione con Alison L. Hill, ricercatrice nella modellazione matematica di sistemi biologici presso l’Harvard University. Nella prima fase pandemica gli asintomatici erano stimati al 31% (dei positivi) in Italia e al 29% in Umbria. Ora sono in  progressivo aumento.