Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Agenzie di viaggio, le vacanze mare di settembre rischiano un crollo del 35%

Per la Fiavet l'ordinanza emessa dalla Regione Umbria su controlli e nuove misure restrittive per i turisti al rientro da Spagna, Grecia, Malta e Croazia avrà una inevitabile ricaduta sulle scelte dei vacanzieri

  • a
  • a
  • a

La ripresa dell’attività delle agenzie di viaggio segna una nuova battuta di arresto. L’ordinanza emessa dalla Regione Umbria su controlli e nuove misure restrittive per i turisti al rientro da Spagna, Grecia, Malta e Croazia avrà una inevitabile ricaduta sulle scelte dei vacanzieri. “Potremo registrare un calo del 30-35% sulle vendite dei viaggi ‘mare’ di settembre e ottobre, stagione in cui gli umbri si dirigono prevalentemente verso Spagna, Grecia e Malta. Tre paesi in cui l’estate ha tempi più dilatati”. Nella sua disamina Federico Tagliolini, presidente umbro della Federazione italiana agenzie di viaggio, ci tiene a precisare che la decisione presa dalla governatrice Tesei è da considerarsi una giusta autodifesa verso un problema – i contagi da ritorno vacanze – in crescita. “Non c’è comunque divieto di partire, ma sicuramente l’ordinanza rappresenta un disincentivo a farlo soprattutto nella programmazione”, aggiunge il presidente Fiavet che per ora fa sapere di non registrare disdette rispetto a prenotazioni fatte, ma allungando lo sguardo sui prossimi mesi le ripercussioni saranno inevitabili. “A marzo, aprile e maggio non abbiamo lavorato; a giugno siamo ripartiti; una leggera ripresa si è sentita a luglio e consolidata ad agosto. Adesso arrivano queste nuove misure, insomma contiamo di chiudere l’anno con un calo di fatturato del 65-70%”.
Ma in questa estate di grandi difficoltà dove sono andati in vacanza gli umbri? “Se parliamo di mare, diciamo che la meta preferita è stata il Sud Italia– risponde Tagliolini -. Per l’estero, molto richiesta Malta proprio per l’opportunità del volo dall’aeroporto San Francesco. A settembre a questo punto consigliamo le città d’arte e se proprio si vuol pensare all’estero, c’è il Portogallo