Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, far west nella festa in villa: rissa e colpi di pistola

A fronteggiarsi due gruppi di invitati: almeno cinque spari tra l'interno dell'edificio e il giardino. Intervento di polizia e carabinieri, una denuncia

  • a
  • a
  • a

Scoppia una lite durante una festa privata organizzata in una villa presa in affitto in una zona periferica di Terni, alcuni degli invitati vengono alle mani ed alla fine c’è chi estrae una pistola ed esplode alcuni colpi in aria, almeno cinque, tra l'interno dell'edificio e il giardino.

E’ successo alcune sere fa, con l’intervento contemporaneo di carabinieri e polizia che però, al loro arrivo, non hanno più trovato i protagonisti della rissa, anche se hanno subito avviato le indagini per risalirne all’identità e avrebbero individuato il responsabile degli spari.

E capire chi era presente quella sera in quella villa, che viene abitualmente data in affitto per l’organizzazione di eventi, è stata un’operazione meno difficile di quanto si potrebbe pensare. L’organizzatrice della serata, infatti, nel rispetto della normativa contro il contagio da Coronavirus, aveva preso nota di tutti gli invitati, visto che – in caso di positività di uno di essi – potesse comunicare chi fosse presente all’Usl, per poter eventualmente avvisare gli altri avventori.

Secondo le testimonianze, a fronteggiarsi sarebbero stati in particolare due gruppi di invitati, rispettivamente di origine dominicana ed albanese. I colpi di pistola, sempre secondo le testimonianze, li avrebbe esplosi uno di questi ultimi, la cui identità sarebbe stata individuata. I reati contestati sono minaccia e porto abusivo d'arma.

(Servizio completo sul Corriere dell'Umbria del 13 agosto 2020)