Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, 20enne accoltellato: si stringe il cerchio attorno all'aggressore

Blitz nel quartiere di Case Bruciate

  • a
  • a
  • a

Sarebbe un ragazzo straniero, forse originario dell’est Europa, colui che ha inferto la coltellata ai danni del perugino di 20 anni ricoverato sabato notte all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia con una ferita da taglio al fianco. Le indagini dei carabinieri della compagnia di Perugia, coordinati dal sostituto procuratore, Mario Formisano, puntano verso una conclusione rapida dello spiacevole episodio che si è verificato nella notte tra sabato e domenica nel piazzale di un bar che, tra l’altro, nei mesi scorsi, era stato oggetto di un provvedimento di chiusura da parte del questore di Perugia, Antonio Sbordone. 
Agli atti dell’inchiesta, in cui le accuse che potrebbero configurarsi vanno dalle lesioni, alla rissa, fino al tentato omicidio, ci sono le testimonianze dei ragazzi e delle ragazze che i carabinieri hanno trovato ancora sul posto quando sono intervenuti sabato notte attorno alle quattro del mattina. La maggior parte però erano scappati. Gli altri invece, dopo aver chiamato il 118 per chiedere aiuto, poi avevano portato l’amico al pronto soccorso perché temevano per lui. Nel fascicolo c’è finito anche un video che qualcuno ha girato e in cui è ripresa praticamente tutta la rissa sfociata nel sangue. Stando a quanto emerge, il ragazzo, che è ancora ricoverato nel reparto di chirurgia dell’ospedale di Perugia e, dopo l’operazione di sabato notte a causa dell’emorragia epatica, sta meglio, sarebbe intervenuto nella rissa per sedare gli animi e invece avrebbe avuto la peggio. Sarebbe intervenuto per dividere i due principali litiganti dopo che già una prima volta, il ragazzo armato di coltello, aveva provato a colpire l’altro e, per fortuna, i colpi erano andati a vuoto. Non solo, sembra inoltre che il giovane non si sarebbe reso immediatamente conto di essere stato colpito e di aver continuato a cercare di dividere i due ragazzi che si stavano affrontando per motivi che, al momento non sono del tutto chiariti. 
Nelle immagini del video, secondo quanto emerge, si vedrebbero anche volare delle bottiglie e ragazzi che si prendono a calci e altri ancora che commentano l’accaduto.