Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Regione Umbria vara piano per riorganizzazione e potenziamento rete assistenziale

Stanziati oltre venti milioni di cui dodici destinati all'assunzione di nuovo personale

  • a
  • a
  • a

La Regione Umbria, anche alla luce dell’esperienza maturata nell’emergenza Covid, ha varato un piano per il potenziamento e la riorganizzazione della rete assistenziale del territorio finanziato con oltre 20 milioni. Di questi, quasi dodici saranno destinati all’assunzione di personale, sia medico che infermieristico, per potenziare le cure domiciliari. Il piano mira a incentivare l’assistenza a casa dei pazienti che non necessitano di ricovero in ospedale ma che devono essere ugualmente seguiti. Le Usca, unità sociali di continuità assistenziale, dodici in totale nell’emergenza Covid, saranno riutilizzate anche in questa fase nel numero di almeno sei. Sarà sviluppata anche la centrale operativa regionale nata tre anni fa e che si è rivelata molto utile in questa fase di emergenza. Il piano è stato presentato giovedì mattina, a Palazzo Donini, dall’assessore regionale alla sanità Luca Coletto e dal direttore regionale alla sanità, Claudio Dario. Presente anche la dirigente del sistema informativo e di mobilità sanitaria della Regione, Paola Casucci.