Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, ubriaco nella via della movida ferisce un carabiniere: arrestato

Quarantanovenne ternano, già noto alle forze di polizia, è ora ristretto ai domiciliari. Il militare medicato al pronto soccorso

  • a
  • a
  • a

Si è presentato completamente ubriaco in una delle strade della movida di Terni ed ha iniziato ad importunare i passanti.

Quando sono arrivati i carabinieri per indentificarlo ne ha colpito uno, costringendolo alle cure del pronto soccorso.

E' successo nella notte fra sabato 1 e domenica 2 agosto 2020, intorno alle 2 in via Lanzi, a Terni.

In manette, grazie alla professionalità dei militari dell'Arma del comando stazione di Papigno, dopo che si è sfiorata anche la rissa, c'è finito un 49enne ternano - A.P. le sue iniziali - già noto alle forze dell'ordine.

L'uomo si è presentato in evidente stato di alterazione e sporco di sangue nel cuore della movida ternana. Barcollante ma decisamente aggressivo, ha dapprima spintonato una persona che si trovava nei pressi di un locale poi ha insultato e minacciato i militari che, intervenuti subito sul posto, volevano controllarlo ed identificarlo. Uno di loro, come detto, visitato poi al pronto soccorso, ha riportato lesioni giudicate guaribili in sei giorni.

Alla fine il parapiglia è stato sedato, l'uomo immobilizzato ed arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale su disposizione del pm di turno. Fra i reati addebitati, anche il porto di armi e oggetti atti ad offendere visto che il 49enne aveva con sé un cavatappi che, in quella situazione, si sarebbe potuto rivelare estremamente pericoloso.

Le analisi ematiche sullo stato di ebbrezza alcolica hanno dato risultanze ampiamente superiori la normalità. L'arresto del 49enne - difeso dall'avvocato Carlo Orsini - è stato convalidato ieri pomeriggio dal tribunale di Terni - giudice Dorita Fratini - che ha accolto quanto chiesto in aula dal pm Cinzia Casciani in ordine alla convalida ed alla misura da applicare nelle more del giudizio di merito, ovvero gli arresti domiciliari.