Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orvieto, riapertura in sicurezza delle scuole: il Comune predispone lavori per 340 mila euro

Il contributo statale per l'emergenza sanitaria ammonta a 90 mila euro, il resto lo metterà l'ente. A Ciconia saranno realizzate tre aule

Davide Pompei
  • a
  • a
  • a

Riapertura dello scuole a settembre, il Comune di Orvieto, in provincia di Terni, predispone gli interventi per rispettare le norme anti Covid e stanzia i fondi.

Didattica in presenza, adeguamento delle strutture scolastiche e funzionamento dei servizi di mensa e scuolabus secondo quanto prevede la normativa anti contagio rappresentano le linee del piano per la riapertura in sicurezza messo a punto nell’ambito della conferenza permanente dei servizi istituita dall'ente in vista dell’apertura del  14 settembre 2020.

All’indomani dei sopralluoghi tecnici effettuati nelle varie scuole, sono stati valutati anche gli aspetti finanziari degli adeguamenti. Il costo totale degli interventi previsti è stimato in 175 mila euro lordi, direttamente connessi all’epidemia, e 165 mila euro lordi per manutenzioni ordinarie. Totale complessivo degli interventi, 340 mila euro. Di questi il contributo statale per l’emergenza sanitaria ammonta a 90 mila euro, che andranno anticipati dalla cassa del Comune, pertanto l’ente aggiungerà risorse proprie per 250 mila euro.

Alla scuola primaria di Ciconia è prevista la realizzazione di tre aule. Due a seguito della trasformazione degli attuali locali adibiti a direzione didattica ed una dalla riorganizzazione della palestra, soluzione che sarà comunque temporanea. Previsto anche l’abbattimento di quattro tramezzi per aumentare la superficie utile di alcune classi, il recupero dello spazio biblioteca e l’acquisto degli arredi. Per gli interventi di demolizione e ricostruzione di tramezzi è stato già predisposto il relativo progetto.

I lavori avranno una durata di due settimane, saranno affidati entro la fine di luglio, seguirà la ridistribuzione dei banchi nelle varie scuole. I tempi di realizzazione tengono conto, infatti, della data del 1° settembre per la riapertura dei laboratori di recupero. In questo senso, il Comune aveva già chiesto alla Provincia la possibilità di utilizzare l’edificio dell'ex geometri, ma la cosa non è risultata possibile dal momento che “tali spazi verranno utilizzati dalla Provincia per le esigenze delle scuole medie superiori”.

La dirigenza scolastica procederà quindi, alla rimodulazione delle classi e degli spazi in base agli interventi preventivati. Per la sola scuola primaria di Ciconia verranno spesi circa 115 mila euro lordi. Nella primaria di Orvieto Scalo è previsto solo l’abbattimento di un tramezzo per realizzare un’aula più grande. Per la scuola secondaria di primo grado “Ippolito Scalza” saranno utilizzati come aule, anche i due locali oggi adibiti a biblioteca, con la realizzazione di alcuni tramezzi.