Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, ai Comuni dell'Umbria la pandemia costa 57 milioni

La Ragioneria dello Stato fa i conti dei mancati introiti ai Municipi umbri. Il governo manda solo 40 milioni

  • a
  • a
  • a

Ammonta a 57 milioni il mancato gettito tributario previsto dalla Ragioneria dello Stato per i 92 Comuni umbri nel 2020 a causa del Coronavirus. Il governo, nel definire il fondo destinato a supportare gli enti locali in questo difficile momento storico, ha stanziato complessivamente 3 miliardi; ma solo 40,8 milioni arriveranno in Umbria, secondo i criteri di riparto individuati nel decreto del ministero dell’Interno a valere sulle risorse del Decreto Rilancio. Gli enti locali si troveranno così a dover fronteggiare una previsione di minori entrate - soprattutto sui principali tributi di competenza come Imu, Tari, addizionale Irpef e Tosap -, con contributi statali insufficienti ad affrontare in maniera adeguatale ripercussioni del lockdown sul tessuto economico-sociale della regione.