Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Frecciarossa, al via il nuovo servizio navetta che collega Toscana e Umbria

  • a
  • a
  • a

In concomitanza con l’arrivo del Frecciarossa delle 8.02, lunedì 27 luglio ha preso il via il nuovo servizio navetta che collegherà la stazione ferroviaria di Chiusi a Perugia. Alla partenza dell’autobus, gratuito per i possessori del biglietto Frecciarossa e al costo di 6 euro per chiunque ne voglia approfittare, hanno presenziato il sindaco di Chiusi, Juri Bettollini, la vicepresidente del consiglio regionale dell'Umbria, Simona Meloni, e i consiglieri regionali Andrea Fora ed Eugenio Rondini. Il servizio di navetta Chiusi-Perugia attraversa i comuni di Castiglione del Lago, Tuoro, Passignano e Magione fino a Perugia per un tempo di percorrenza di 90 minuti.
“La stazione di Chiusi – commenta il sindaco Juri Bettollini – può rappresentare uno degli snodi più importanti per i collegamenti dell’Italia Centrale. I risultati della prima stagione del Frecciarossa hanno dimostrato che il treno e l’Alta Velocità possono essere un’opportunità di turismo, ma anche di lavoro eccezionali ed è per questo che i territori devono continuare a investire e a credere in questo progetto”.
“Finalmente l'Umbria torna a parlare con la Toscana -  aggiunge Simona Meloni - grazie in primis alla buona volontà degli amministratori e oggi anche della politica che riconosce un primo passo per il lancio di progetto integrato di valorizzazione complessiva, attraverso un sistema di comunicazione ma anche di promozione ambientale, economia e turistica. Questa navetta andrà ampliata con un'offerta più completa che comprenda anche il Trasimeno sud e soprattutto integrata nel progetto più ambizioso della Perugia-Chiusi via Valnestore attraverso lo sfondamento della Pievaiola.” 
“Siamo soddisfatti - dichiara Andrea Fora consigliere del Patto Civico per l’Umbria – che la nostra mozione sia stata accolta e che oggi possiamo vedere la navetta Chiusi Perugia attiva. Ovviamente questo è un primo segnale e non pensiamo che in questo modo possiamo risolvere i problemi di collegamento infrastrutturali della nostra Regione, ma è comunque importante perché dimostriamo che l’asse Perugia Chiusi è centrale non solo per le comunità che lo abitano, ma anche per uno sviluppo economico, sociale e turistico che deve andare oltre i confini regionali per abbracciare un’ottica di filiera integrata".
“Il servizio di collegamento che inizia oggi - dice Eugenio Rondini, consigliere regionale della Lega – è importante sia per i territori della Toscana sia per quelli dell’Umbria e sicuramente andrà sviluppato e incrementato. Dobbiamo abbattere questa idea di barriera ideologica al confine dei territori perché solo lavorando insieme potremo cogliere opportunità nuove di rilancio e sviluppo".