Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, ragazzi morti: li ha uccisi col metadone, sta in galera ma tanto uscirà

Francesco Storace
  • a
  • a
  • a

Sì, sta in galera. Ma tanto uscirà. E quei due ragazzini di Terni però li ha ammazzati. Col metadone rimediato al Sert
Aldo Maria Romboli tra qualche tempo – possiamo scommetterci – vedrà la mobilitazione dei centri sociali per farlo tornare in libertà. E nemmeno questo è il problema, a cui ci stiamo assuefacendo, tanto per restare in tema. 
Le notizie drammatiche rilanciate da Terni a tutta Italia ci emozioneranno per qualche giorno appena. Poi tornerà la routine. Perché non succederà nulla. Perché la lotta alla droga sembra vietata. Perché la politica non si decide a dare una svolta. Tutto ruota attorno a un principio aberrante. Drogarsi è un diritto, persino a quindici anni.
Invece dobbiamo alzare il dito, chiedere la parola e cominciare a dire che drogarsi è un delitto contro se stessi e contro la società. E che pretendiamo leggi severe soprattutto verso chi campa col mercato turpe degli stupefacenti. 
Dice l’uomo della strada: “Non è un gran guadagno la dose venduta a 15 euro”. Ma lo dice chi non riesce ad immaginare le proporzioni di una tragedia che sta ammazzando la nostra gioventù da troppi anni a questa parte.
E in Parlamento ci riprovano ancora, con le sciocchezze sulla cannabis. Non si vuol capire che si mandano segnali devastanti alla società. Dicono che ci sono troppi detenuti tossicodipendenti. Ma non si finisce in cella per il consumo di droga, bensì per i reati connessi. Per procurarsela o per le conseguenze al cervello. Senza alcuna distinzione tra droghe leggere o pesanti, perché sempre male si finisce.
La sorte tragica di quei due ragazzi di 15 e 16 anni, per un intreccio letale di sostanze, farà riflettere fino a che non saranno accompagnati al cimitero. E invece è l’ora di risvegliare coscienze troppo assopite di fronte alla droga. E i rapporti del Viminale stanno lì a raccontare quanto stia dilagando il consumo di droga a partire dalla provincia italiana. Ma pare che non freghi niente a nessuno.