Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cantieri sulla Foligno-Civitanova, chiusa la strada verso il mare

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Ancora cantieri sulla Foligno-Civitanova, la strada del mare. Inaugurata il 28 luglio 2016, nemmeno quattro anni fa, la quattrocorsie è al centro di lavori di ripristino continui e non procrastinabili. Tanto da imporre la chiusura della carreggiata verso il mare in piena estate. Da lunedì 13 luglio a venerdì 7 agosto sarà off limits per lavori. Il tratto bloccato sarà quello umbro tra Foligno e Colfiorito. I cantieri saranno sospesi soltanto il sabato e la domenica, per evitare disagi negli esodi del week end. Resta il problema per tutti gli altri giorni. Già da diverse settimane è chiuso il tratto Colfiorito-Serravalle, sempre per lavori di manutenzione alle gallerie. Le stesse gallerie già oggetto di indagini relative alla qualità del calcestruzzo. Nei quattro anni trascorsi dalla riapertura, a ripetizione sono stati chiusi tratti di strada, spesso per problemi alle campate e all’asfalto dei tunnel. La conferma dello stop fino al 7 agosto arriva direttamente da Anas.
“A partire da lunedì prossimo, 13 luglio, la carreggiata in direzione Macerata della strada statale 77 Val di Chienti sarà temporaneamente chiusa tra le 6 del lunedì e le 18 del venerdì nel tratto compreso tra Foligno (innesto SS3 Flaminia) e Colfiorito, in provincia di Perugia. Il traffico in direzione Macerata sarà deviato sulla ex SS77 con indicazioni sul posto”, è scritto in una nota dell’ente nazionale strade. La chiusura è necessaria “per consentire alla società Valdichienti, costruttore dell’infrastruttura, l’esecuzione di alcuni interventi di ripristino localizzato”. Il completamento - certifica Anas - è previsto entro il 7 agosto. Per interventi analoghi già in corso sul tratto marchigiano tra Colfiorito e Muccia, fino al 20 luglio sulla superstrada Foligno-Civitanova sarà possibile in corrispondenza dello svincolo di Muccia. Non è ulteriormente specificata la natura dei lavori che verranno eseguiti. Non si profila un problema impellente di sicurezza, a fil di logica: non avrebbero permesso la sospensione sabato e domenica, riattivando il normale transito. Di contro, se si trattasse di normale manutenzione, sarebbe stato più opportuno individuare il mese di settembre. Lo dicono i numeri. Le stime della Polizia stradale quantificano in più di 30 mila unità il transito di veicoli che si raggiunge sulla Foligno-Civitanova nei giorni di punta. Con una densità che, in estate, si concentra a livelli molto alti soprattutto nelle ore del mattino, con le partenze verso il mare e arrivi in Umbria, e dopo il tramonto per il flusso inverso. I numeri sono quelli del 2019 e non si preconizzano cifre in ribasso per quest’anno. Anzi, con l’emergenza Covid le mète più vicine sono quelle predilette anche dagli umbri, stando alle stime delle agenzie turistiche.