Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, ragazzi morti. Il pusher: "Ceduta dose killer per 15 euro"

  • a
  • a
  • a

"È profondamente provato e fortemente depresso per quanto accaduto e lo ha notato anche il giudice. È un tossicodipendente e l’accaduto lo ha provato moltissimo". Così l’avvocato Massimo Carignani descrive le condizioni del suo assistito Aldo Maria Romboli, 41 anni sottoposto a fermo dalla Procura di Terni per la morte dei due ragazzi di 15 e 16 anni, trovati senza vita nei propri letti dai familiari martedì 7 luglio. Romboli è stato interrogato per circa un’ora, giovedì 8 luglio, dal gip di Terni per l’udienza di convalida e l’accusa nei suoi confronti è di morte come conseguenza di altro reato. "Il mio assistito ha sostanzialmente confermato quatto detto durante l’interrogatorio sostenuto in sede di indagini davanti ai carabinieri di Terni - ha proseguito l'avvocato - ammettendo quindi di aver ceduto il metadone per 15 euro ai due ragazzi morti poi nel sonno. Le sue dichiarazioni davanti al giudice non sono cambiate".