Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Test sierologici acquistati dalla Regione, ok dell'Anac sul prezzo

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

“Le verifiche espletate non hanno evidenziato elementi tali da far ritenere non congruo il prezzo stabilito tra le parti”. E’ quanto conclude l’Anac, autorità anticorruzione, nel parere di congruità chiesto dalla Regione Umbria sull’acquisto dei test sierologici. Sul caso ha condotto accertamenti la Corte dei conti. L’atto, firmato da Francesco Merloni, è del 18 giugno ed è stato trasmesso nei giorni scorsi. La partita di 15mila test pungidito da 292 mila euro acquistata da Vim - che la Regione non ha ancora pagato proprio perché in attesa di Anac - non è stata sovrastimata. Anac ha condotto “una prima analisi utilizzando come termine di paragone i prezzi praticati dalla società in questione per l’acquisizione da parte di altre stazioni appaltanti dello stesso identico prodotto oggetto dell’affidamento in esame”. L’Autorità, a tal fine, ha preso in considerazione “il medesimo periodo emergenziale di riferimento per sterilizzare il rischio di erronee valutazioni che sarebbero derivate dalla omessa considerazione delle inevitabili oscillazioni dei prezzi registratesi nel Paese”, è scritto nell’atto. Anac precisa peraltro che “non sussistono i presupposti per l’adozione del parere preventivo Anac” per gli acquisti in somma urgenza per importi sopra i 40 mila euro, essendo stato disposto l’affidamento a Vim stante la “inesistenza sul mercato di beni identici forniti da operatori economici diversi dall’affidatario che possano rappresentare validi termini di confronto per valutare la congruità del prezzo pagato dalla stazione appaltante”. Il parere formale non serviva nemmeno. Anac ha verificato e risposto “per leale collaborazione”. Secondo il rapporto nazionale dell’Anticorruzione sull’emergenza Covid, l’Umbria ha speso oltre 5,2 milioni di euro in 712 appalti per gli acquisti legati alla pandemia. Delle 712 pratiche contate in Umbria soltanto 12 hanno un valore pari o superiore ai 40 mila euro, pesando in tutto per 1.732.177 euro.