Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, agenzia delle dogane e finanza indagano su fornitura di mascherine in Umbria

  • a
  • a
  • a

Accertamenti in corso da parte della Guardia di Finanza e dell'Agenzia delle dogane su una partita di mascherine importata in Umbria durante l'emergenza Covid. Quattromila pezzi che non hanno le documentazioni legali al seguito e, in particolare, senza le fatture al seguito. I dispositivi di protezione individuale erano destinati agli ospedali e alle Asl umbre. Gli investigatori stanno verificando se possa esserci stata una forma di accaparramento ai fini speculativi. In quel periodo le mascherine filtranti, in particolare, costavano anche quindici euro l'una, L'azienda sotto indagine è umbra e opera nel campo dell'importazione di dispositivi medici. Asl e ospedali, soprattutto nel mese di marzo, hanno effettuato acquisti di dispositivi di protezione individuali in proprio stante la carenza delle forniture da parte del commissario straordinario Arcuri.