Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Registro tumori dell'Umbria fermo e senza risorse, la giunta annuncia interventi per rilanciarlo

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Nella sessione ‘question time’ della riunione di giovedì 25 giugno dell'assemblea legislativa dell’Umbria, il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca ha chiesto all’assessore alla Sanità, Luca Coletto gli intendimenti della Giunta rispetto alla “salvaguardia della continuità operativa del Registro dei tumori umbro”, auspicando una “nuova convenzione pluriennale per garantire adeguate risorse”. De Luca ha chiesto quindi “le tempistiche per la firma di un nuovo protocollo”. L’assessore Coletto ha risposto che "questa giunta dovrà inevitabilmente riordinare in tempi brevi una disarticolazione del registro che è stata fatta negli ultimi anni. È stato dato il via ad un confronto scientifico per la ripresa delle attività strategiche del registro tumori considerato fondamentale per la sanità pubblica. Per questo si provvederà, emergenza Covid premettendo, ad indicare un gruppo di lavoro per elaborare una proposta operativa dettagliata e assicurare un regolamento regionale, ma anche per ripristinare le condizioni di funzionamento tolte dalla precedente gestione. Il controllo della patologia neoplastica rappresenta un elemento fondamentale per la lotta ai tumori resa possibile grazie al registro tumori che fornisce le basi epidemiologiche per la programmazione regionale. L’Umbria è stata la prima Regione in Italia ad attivare il registro tumori nel 1993. Negli anni sono state stipulate convenzioni con il dipartimento di medicina sperimentale dell’Università per il supporto epidemiologico in campo oncologico. Serve un regolamento per il suo funzionamento. Il 21 giugno 2018 la Conferenza delle Regioni ha approvato uno schema per il regolamento regionale, mai adottato dalla Regione Umbria. Dal 2017 la precedente giunta ha previsto un taglio orizzontale delle risorse passando da 400mila euro annui a 180mila euro anno. Inoltre l’orizzonte temporale della convenzione da tre anni a uno. Tra le attività tagliate è inclusa la produzione del registro nominativo delle cause di morte fermo al 2016, che è tra i flussi imprescindibili per la produzione di un dato accreditato del registro tumori. A ciò si aggiunge un ulteriore elemento di confusione ereditato dalla precedente giunta in quanto la legge regionale per la ricostruzione post sisma la Regione trasferisce a Umbria salute le funzioni e le attività di sistema informativo sanitario regionale e osservatorio epidemiologico regionale”. Nella replica De Luca si è detto “insoddisfatto perché non ho avuto risposte. Non c’è bisogno di convincermi di quanto abbia fatto male la giunta precedente. C’è massima disponibilità a lavorare insieme per ripristinare quello che è stato distrutto prima”.