Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, litiga con la moglie ed esce di casa minacciando il suicidio. Ritrovato dopo ore

Apprensione per un operaio sessantenne padre di tre figli di cui uno ancora minorenne

  • a
  • a
  • a

Sessanta anni, padre di tre figli di cui uno minore, scappa di casa dopo l’ennesimo litigio con la moglie minacciando il suicidio. “Mi butto nel Tevere”, ha gridato esasperato alla consorte. E' successo ieri nella zona  di Collazzone. La donna in un primo momento non gli dà retta ma intorno alle 22, non vedendolo rientrare, inizia a preoccuparsi e avvisa i carabinieri di Collazzone che fanno scattare le ricerche. L’uomo viene ritrovato dopo la mezzanotte nel parcheggio di un distributore di carburanti sulla diretta del Cerro. Il sessantenne aveva tentato di nascondersi all’interno della macchina parcheggiata ma i militari dell’Arma lo hanno subito identificato. Non voleva tornare a casa dalla moglie. I militari dell’Arma si sono improvvisati psicologi. Hanno parlato a lungo con l’uomo e alla fine lo hanno convinto a tornare dalla sua famiglia.