Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lo stupratore di Perugia chiede di essere interrogato di nuovo. Paccoi: "Pronto a parlare"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Dopo aver fatto scena muta nel primo interrogatorio,il presunto stupratore, in arresto a Capanne, chiede di parlare con il giudice.
E’ pronto a parlare il 19enne nato in Ecuador e “senza fissa dimora”, dopo essere stato cacciato di casa dalla madre. 
E’ accusato della violenza sessuale su una quindicenne - il 10 giugno scorso in centro a Perugia - e su una tredicenne, il 12 gennaio nel parcheggio di un centro commerciale alla periferia della città. Ieri ha chiesto di incontrare il suo avvocato, Daniela Paccoi. All’esito del colloquio quest’ultima ha chiesto al gip un nuovo interrogatorio. “Il mio assistito è pronto a ricostruire nel dettaglio la vicenda”, spiega Paccoi. Il 19enne sarebbe pronto anche ad alcune ammissioni rispetto ai fatti contestati. “Ma non è un violentatore seriale”, dice Paccoi. Nelle carte dell’accusa lo inchiodano referti sanitari e testimonianze. 
Il carcere per lui è stato ritenuto “l’unica misura idonea” vista la gravità dei reati ascritti e vista “l’impermeabilità dell’indagato a qualsivoglia stimolo diretto a sollecitare un suo diverso atteggiamento, considerata, ad esempio, la circostanza che l’indagato era già venuto a conoscenza, prima dei fatti di giugno 2020, che nei suoi confronti era stata sporta denuncia querela per quanto avvenuto a giugno dello stesso anno”. Il 19enne cioè sapeva di essere stato denunciato e di essere indagato. Nonostante questo ha commesso il secondo stupro, secondo l’accusa. “Le indagini hanno evidenziato ulteriori episodi analoghi a quelli riportati”. Non solo. C’è anche l’ombra del tentato abuso sulla sorellina di 10 anni. Lo scrive il procuratore Giuseppe Petrazzini. “L’indagato risulta essere stato allontanato di casa proprio dalla madre a causa della sua condotta violenta anche perché avrebbe cercato di abusare fisicamente di quest’ultima e della sorellina minore di 10 anni”. I carabinieri stanno lavorando per ricostruire nel dettaglio anche altri episodi emersi dalle testimonianze raccolte fino ad oggi.