Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, il 19enne alla sua prima vittima di stupro: "Se parli ti faccio picchiare"

Il presidente Tafuro e il giudice Avila

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

“Non devi raccontare niente di niente, altrimenti ti faccio picchiare da una delle tante mie amiche”. L’altra vittima di Fernando Polzoni, anche lei minorenne, appena quattordicenne, era stata minacciata dal suo stupratore. Quando lui aveva saputo che la ragazzina, dopo tre settimane dall’accaduto, si era confidata con la sorella e alcune amiche, l’aveva cercata al telefono e l’aveva minacciata. Ma è stata proprio questa sua ennesima prepotente violenza a far decidere alla ragazzina di raccontare tutto alla mamma e denunciare quel ragazzo che l’aveva abusata in un angolo nascosto del centro commerciale di Corciano. La ragazzina era andata lì insieme a un suo amico e aveva incontrato Fernando che l’aveva invitata a raggiungere un terzo conoscente in comune. Ma lui aveva cambiato subito tragitto. “Fernando - sta scritto agli atti dell’inchiesta - l’aveva portata sulle scalette che non avevano via di uscita dove nessuno poteva vederli. Una volta lì aveva provato subito a darle un bacio, ma la minore lo aveva respinto subito e gli aveva detto che lei non voleva”. Ma, come accaduto anche la scorsa settimana il volere delle ragazze non viene considerato.