Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Perugia, stupro in centro : la vittima urlava basta al suo aggressore

Francesca Marruco
  • a
  • a
  • a

“Sta fermo, basta”, gli urlava mentre lui, sordo alla sua supplica la teneva premuta contro il muro di un vicolo buio e abusava di lei. L’incubo vissuto dalla studentessa quindicenne di Perugia è ripercorso nelle undici pagine con cui il gip, Angela Avila, ha ricostruito i fatti e ha disposto la custodia cautelare in carcere per Fernando Joel Polzoni Baque Pihuave, il 19enne nato in Ecuador e residente nella zona di Assisi, che mercoledì scorso ha stuprato la minorenne nel Vicolo delle Streghe. Non solo, come anticipato nei giorni scorsi dal Corriere dell’Umbria, Polzoni, è anche accusato di aver violentato un’altra ragazzina il 12 gennaio scorso nei parcheggi del Quasar Village di Corciano. Mercoledi scorso tutto inizia alle 22.30 circa. “Le ha chiesto di uscire a fumare una sigaretta, lei acconsentiva - si legge nell’ordinanza -. Appena usciti dal locale Fernando l’abbracciava e la invitava a dormire da lui. La ragazza rifiutava. Tenendola abbracciata, la portava in un vicolo vicino. Una volta lì Fernando ha iniziato a baciarla. Lei ha ricambiato solo il primo bacio, ma poi lo ha respinto con fermezza e chiarezza. Si è spostata di lato, dato che lui cercava di tenerla ancora stretta a sé, tentava di divincolarsi ma senza riuscirci (lei è esile, lui è molto più alto). Lei gli ha detto di smettere più volte, ma lui non lo ha fatto, e ha abusato di lei. Forte della sua possanza fisica le ha tirato giù i pantaloni e l’ha stuprata. “Avevo paura di lui”, ha raccontato la giovane, “ma cercavo lo stesso di divincolarmi”.