Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Moschea, c'è chi chiede chiarezza sulla vendita del terreno

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

“Da un lato la richiesta di chiarire in commissione consiliare il complesso procedimento amministrativo che ha portato alla vendita del terreno dove si sta costruendo la nuova moschea, dall'altro una serie di proposte utili a collocare il tema del centro islamico in un adeguato contesto capace di contemperare la libertà di culto e l'esigenza di sicurezza e di stabilire con l'associazione islamica un rapporto di collaborazione, utile a garantire partecipazione nella gestione del Centro e reciprocità nel riconoscimento dei principali diritti costituzionali, in particolare rispetto alla condizione femminile”. Umbertide Cambia traccia su queste direttrici le linee di intervento presentate in occasione del consiglio comunale aperto convocato sul tema. “Prima ancora dell'aspetto religioso - ha detto il capogruppo di Umbertide Cambia Claudio Faloci - occorre affrontare la questione in termini culturali e sociali”. La giunta comunale ha invece ricordato che anche le opposizioni hanno condiviso la necessità espressa in più occasioni dalla comunità islamica di avere a disposizione spazi più ampi e idonei allo svolgimento delle varie attività, che prevedono momenti di aggregazione e socializzazione oltre a corsi di lingua e aiuto compiti per bambini. "Il centro - ha detto il sindaco Marco Locchi - sarà inoltre un luogo aperto a tutta la cittadinanza ed inserito a pieno regime nella rete dei centri culturali e spazi aggregativi presenti in città”.