Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giulietti querela "Umbertide Cambia" e il consigliere Conti

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

La politica locale sembra vivere sempre sul filo dei nervi tesi e adesso quanto accaduto nella trascorsa campagna elettorale farà parte di un processo penale per il reato di diffamazione. La denuncia a suo tempo era stata presentata dall'attuale onorevole Giampiero Giulietti, per alcune affermazioni da lui ritenuti gravi e offensive del suo onore di politico da parte di alcuni componenti di "Umbertide Cambia" ed in particolare di chi adesso porta a conoscenza pubblica il fatto, il consigliere comunale nonché dipendente provinciale Stefano Conti. Scrive in una nota Stefano Conti: “Sono stato formalmente informato dalla Procura della Repubblica di Perugia, in qualità di indagato, di una querela per diffamazione che Giampiero Giulietti, in qualità di ex sindaco di Umbertide, ha presentato in merito ad un articolo di Umbertide Cambia, inerente le vicende relative all'affidamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, nel quale si evidenziavano alcune contraddizioni dell'amministrazione comunale in ordine alla vicenda Gesenu-Sogepu. Articolo redatto in piena campagna elettorale, pubblicato, tra gli altri organi di stampa, in data 7 maggio sul sito internet di Informazione locale, il cui direttore Giovanni Codovini, peraltro magistrato onorario, è parimenti indagato”. Aggiunge tra l'altro Conti: “Ci troviamo dunque querelati per aver espresso una critica riguardante una vicenda chiusa in modo definitivo sul piano giuridico dalla sentenza del Consiglio di Stato. D'altra parte, l'azione penale posta in essere ci offre la possibilità di rinnovare e specificare ulteriormente nel merito la definizione della vicenda, rimettendoci totalmente e con fiducia all'operato della Magistratura”. Articolo completo nel Corriere dell'Umbria del 12 novembre