Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Dalla Cooperativa pescatori le proposte per il rilancio del settore

Alice Guerrini
  • a
  • a
  • a

La Cooperativa pescatori del Trasimeno ha accolto la senatrice, Nadia Ginetti accompagnata in visita dall'amministratore delegato, Valter Sembolini; dal direttore di Confcooperative, Lorenzo Mariani e dal presidente, Aurelio Cocchini. “E' molto importante aver rilanciato una realtà economica e occupazionale – ha detto - che abilmente valorizza le risorse naturali preservando la biodiversità, ma crea anche posti di lavoro e cultura con una chiara apertura verso l'innovazione". Elementi su cui da tempo l'ad Sembolini insieme ai pescatori del lago sta puntando per rilanciare una Cooperativa che ha fatto e farà la storia di questi luoghi.  “Il Trasimeno è una perla da tutelare - spiega Sembolini -, siamo molto soddisfatti dell'attenzione che le istituzioni stanno dando a questi territori, in particolare la Regione, ma c'è la necessità che tutti comprendano l'importanza economica e turistica del Trasimeno che è una ricchezza per l'Umbria intera”. “E' fondamentale – ha sottolineato Mariani - poter contare su una pubblica amministrazione e una politica che stia realmente al passo delle imprese e della loro voglia di misurarsi con il mercato. Il comparto ittico sta vivendo l'attuale stato di passaggio delle competenze da un ente a un altro, incertezza che si auspica non vada a ledere il sistema delle imprese”. C'è poi da dire che la pesca sta attraversando un momento d'oro, richiamando sempre più giovani “ma c'è la necessità – hanno concluso Cocchini e Sembolini - di poter contare su strumenti di supporto alla formazione dei giovani insieme alla necessità di valorizzare il prodotto pesca e pescaturismo in sinergia con l'intera comunità regionale”.