Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Gruppo ricreativo e la Pro loco regalano al Cori tv e Wii

Alice Guerrini
  • a
  • a
  • a

La Pro loco e il Gruppo ricreativo passignanese campioni di solidarietà. Mercoledì 17 giugno alcuni rappresentanti delle due associazioni, cioè Stefano Baldoncini e i fratelli Gianfranco e Adriano Gatti, hanno donato al Cori di Passignano due televisori, una Wii console e due Wii Balance Board. Alla consegna ha preso parte anche il sindaco Ermanno Rossi che ha detto “questa donazione al Centro ospedaliero di riabilitazione intensiva, dimostra l'importanza delle associazioni. Il loro impegno verso il sociale e in questo caso verso i più deboli è sempre forte. Le associazioni di Passignano sono un vero e proprio valore aggiunto per il territorio che viene animato attraverso molte attività e iniziative che lo stesso Comune porta avanti proprio in collaborazione con loro”. Il Centro, nato nell'anno 2000, è diretto dal 2004 dal dottor Maurizio Massucci che ha voluto ringraziare, anche a nome della direzione Usl, i volontari coinvolti in questo importante gesto di solidarietà. “Il nostro rapporto con amministrazione e associazioni è sempre stato ottimo. E oggi con questi strumenti che ci sono stati donati, Passignano ha fatto sentire ancora una volta, la propria vicinanza a tutte le persone che si trovano qui e che grazie a senso civico e solidarietà, potranno passare momenti di svago. Un ringraziamento a tutti gli enti coinvolti e anche alla famiglia Baldoni di Magione che nella persona di Giulia ha partecipato a questo donazione”. “Speriamo che questi mezzi – ha sottolineato Baldoncini della Pro loco – possano alleviare le sofferenze dei pazienti. Siete un gruppo di persone splendide e la collaborazione continuerà anche in futuro”. E l'incontro di mercoledì 17 giugno è stata proprio l'occasione per porre le basi di un lavoro da sviluppare insieme al Gruppo ricreativo: l'idea è di allestire uno spazio per i pazienti dedicato alla lettura, una piccola biblioteca con scaffali e tanti libri. Alla mattinata ha partecipato anche Giuliana Orecchini, responsabile del Day hospital del Cori.