Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tetra Pak, al via il progetto per il riciclo

La presentazione

Alice Guerrini
  • a
  • a
  • a

Parte il progetto sperimentale per raccogliere e differenziare il Tetra Pak. Nelle riciclerie del territorio sarà possibile trovare “le campane di Mr T” mascotte del progetto, per raccogliere in forma separata questo particolare materiale. L'iniziativa è portata avanti dalla Tsa, in unione ai Comuni del Trasimeno e Corciano. VOTA IL SONDAGGIO Un nuovo sistema di raccolta differenziata che è stato presentato anche agli alunni della scuola secondaria di primo grado, Mazzini di Magione. Questa possibilità arriva anche grazie alla realizzazione, da parte di alcune cartiere italiane, di impianti proprio per il recupero del Tetra Pak. “In Italia vengono immessi nel mercato – ha detto il direttore di Tsa, Luciano Sisani – oltre 5 miliardi di confezioni all'anno. Un materiale complesso, ma che può e deve essere recuperato e come altri avere una nuova vita”. Questa è quindi l'ennesima sfida che Tsa ha deciso di portare avanti, insieme all'obiettivo previsto anche dalla Comunità Europea per il 2020, di arrivare a riutilizzare e differenziare il 50 per cento dei rifiuti prodotti. Al Trasimeno tra i Comuni più virtuosi, c'è quello di Panicale che differenzia il 60 per cento dei rifiuti prodotti e di cui era presente il sindaco, Giulio Cherubini. Con lui anche l'assessore alle Attività produttive di Magione, Cristina Tufo e l'assessore di Corciano, Giuseppe Felici. A spiegare il progetto Life di cui l'avventura del Tetra Pak rappresenta un ulteriore passo avanti, c'era il professore dell'Università di Perugia, Francesco Di Maria; mentre ad aprire i lavori è stato il presidente di Tsa, Roberto Lombrici. “Nel 2014 la Trasimeno servizi ambientali – ha sottolineato Sisani -, ha destinato a recupero il 52,6 per cento dei rifiuti, ma abbiamo bisogno del senso civico di ogni abitante per migliorare questo risultato”.