Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I turisti sfidano il maltempo e scelgono il Trasimeno

Alice Guerrini
  • a
  • a
  • a

Al Trasimeno il ponte di Pasqua ha richiamato buone presenze, ma la pioggia e il vento freddo si sono fatti sentire. Dopo una Pasqua passata con l'ombrello anche il lunedì dell'Angelo, nonostante il sole, è stato caratterizzato da temperature poco primaverili e forti raffiche di vento. Un meteo che probabilmente ha condizionato questo primo week end di festa, ma nonostante ciò il Trasimeno è stato scelto da molti umbri. Turisti italiani e stranieri se ne sono visti, ma almeno per ora si è trattato di presenze “mordi e fuggi”. Anche se non ci sono ancora numeri o dati su cui basarsi, a confermare queste prime impressioni è Augusto Raiconi presidente dell'Urat, Unione ristoratori e albergatori del Trasimeno. “Il freddo ha giocato un ruolo importante in questo primo week end di festa. Il settore alberghiero ha registrato un lieve calo che ci deve spingere a lavorare per proporre novità, mentre l'extralberghiero – continua Raiconi – ha retto meglio il colpo. Una leggera flessione che ci fa riflettere, ma ovviamente siamo ancora all'inizio della stagione e potrebbe, al momento, essere implicabile al meteo che almeno in questa prima tornata, non è stato troppo clemente. Siamo comunque fiduciosi e attendiamo di vedere come andranno le prossime festività”. Un primo ponte iniziato in sordina per il Trasimeno, ma che fa comunque sperare in una buona stagione, tempo permettendo; grazie anche alla splendida forma del lago che ha raggiunto i più 40 centimetri ed è più bello e apprezzato che mai.