Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pesca, aperto a Monte del Lago uno spazio “no kill”

I volontari dell'Asd Angler

Alice Guerrini
  • a
  • a
  • a

A Monte del Lago il primo tratto di pesca “no kill” del Trasimeno. Grazie alla collaborazione tra l'Asd Angler, il Comune di Magione e la Provincia di Perugia, la zona che va dal pontile di Monte del Lago al famoso ristorante “Da Santino” è diventata area di pesca regolamentata. Una battaglia portata avanti da un gruppo che nel fine settimana si è dato appuntamento nella frazione di Magione per una tre giorni dedicata, come di consueto, al rispetto della natura e alla promozione di tratti “no kill”. “Il nostro scopo è quello di realizzare progetti per la riqualifica delle acque umbre, da troppo tempo vessate da persone che stanno impoverendo gli stock ittici e deturpando l'ambiente. Le conseguenze – spiegano in una nota - si sono tradotte non solo in una acclarata diminuzione della pescosità, ma anche in inquinamento e accumulo di sporcizia.. Ecco perché nasce la “Zona a regolamentazione specifica” di Monte del Lago, una piccola oasi in cui praticare una coscienziosa pesca sportiva, dove i pesci catturati andranno reimmessi in acqua, non si potranno accendere falò, saranno limitate le reti della pesca professionale e non sono tollerati né schiamazzi né abbandono indiscriminato di rifiuti”. Ma l'Asd Angler mostra di avere anche un grande cuore, durante l'iniziativa ha raccolto infatti fondi da destinare ad Atena onlus, istituto per la ricerca sugli aneurismi. Alle tre giornate hanno partecipato circa 40 appassionati che sabato hanno anche dato il via a una ripulitura delle sponde, proprio nella zona di Monte del Lago. IL SERVIZIO COMPLETO SULL'EDIZIONE DI MARTEDI' 28 OTTOBRE DEL CORRIERE DELL'UMBRIA