Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scappano alla vistadei carabinierie abbandonano un'Audi A6

L'autovettura è stato rinvenuto più tardi impantanato nel fango senza più nessuno a bordo

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

Nel corso della nottata, intorno all'1 circa, a Paciano, una pattuglia dei carabinieri mentre percorreva le vie del centro storico del piccolo borgo, ha notato un'Audi A6 di colore blu, a bordo della quale viaggiavano due ragazzi molto giovani, apparentemente stranieri originari dell'Est Europa. Il tempo ed il luogo dell'incontro sono bastati ad insospettire i militari, che hanno immediatamente invertito la marcia per controllare i due ragazzi. Subito i sospetti hanno preso corpo, infatti nello stesso istante i due giovani occupanti dell'auto si sono dati a precipitosa fuga a bordo della potente berlina, che hanno fatto sfrecciare a tutta velocità negli stretti vicoli di Paciano, assolutamente incuranti dei rischi per la loro incolumità o per quella degli eventuali ignari passanti,  facendo in breve perdere le proprie tracce. I carabinieri, che riuscivano comunque a stare dietro ai fuggitivi, ma li perdevano di vista una volta usciti dal centro abitato, in direzione di Panicale, non desistevano e continuavano le ricerche, che si concludevano poco dopo su una strada di penetrazione agraria non asfaltata, dove il veicolo veniva rinvenuto impantanato nel fango, senza più nessuno a bordo. Ai militari, una volta accertato che i due giovani, comunque cercati fino alle prime luci dell'alba, anche con l'ausilio di altre pattuglie dei comandi vicini e del Radiomobile, erano spariti inghiottiti dal buio, non restava che procedere ai primi accertamenti sull'autovettura, all'interno della quale, dopo un'accurata perquisizione, venivano scoperti vari arnesi da scasso. Inoltre, la potente berlina del valore di circa 10.000 euro, è risultata rubata alla fine di ottobre ad Ortona. A questa mattina, con la luce del sole, sono invece stati rinviati i rilievi tecnici, con la speranza che possano svelare qualcosa circa l'identità dei due malviventi. Considerato che all'interno della macchina non è stata rinvenuta refurtiva, per cui i due occupanti non dovevano ancora essere entrati in azione, resta almeno la soddisfazione di poter pensare di averne anticipato le mosse e di aver evitato che venisse perpetrato qualche furto.