Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'assessore Chiodiniscende in campo in difesadi Trasimeno Blues

È necessario - specifica l'assessore di Magione - fare scelte di programmazione che abbiano lungimiranza e solidità e si trovino energie, volontà e risorse sufficienti a rafforzare il ruolo del festival

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

"Il lago, un territorio con circa un milione di presenze turistiche annuali, non può rinunciare ai grandi eventi. La chiusura di Umbria Gospel Festival, già Soul Christmas, è sicuramente una brutta notizia. Ora però Regione, enti locali e sponsor privati prendano un impegno ufficiale a salvare, rafforzandolo, Trasimeno Blues che rappresenta un fondamentale veicolo di promozione per i nostri borghi". Sono le affermazioni di Giacomo Chiodini, assessore alla cultura e al turismo di Magione, che si dice dispiaciuto per la chiusura del festival invernale dedicato agli spiritual, sottolineando però che «l'obiettivo fondamentale per l'area dei comuni del lago è la tutela e la valorizzazione di Trasimeno Blues; un evento estivo radicato nel territorio, in grado di attirare turisti italiani e stranieri favorendo arrivi e presenze destinati a tutte le tipologie ricettive". Per Chiodini "la fase di profonda ristrutturazione degli investimenti pubblici in turismo e cultura finisce per lasciar cadere nel vuoto anche eventi meritevoli ed apprezzati come Soul Christmas. È però necessario - specifica l'assessore di Magione - fare scelte di programmazione che abbiano lungimiranza e solidità. Per questo mi auguro che, con la chiusura della stagione invernale dedicata al gospel, si trovino energie, volontà e risorse sufficienti a rafforzare il ruolo di Trasimeno Blues, uno degli appuntamenti più sentiti dai tanti turisti presenti a luglio attorno al lago ed apprezzato anche da tanti residenti".