Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Si appropria dell'Iva per 3 milioni, imprenditore nei guai

Esplora:

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

La guardia di finanza di Todi ha portato a termine un'attività di polizia finanziaria che ha consentito di individuare un socio unico ed amministratore di una società di capitali operante sul territorio nazionale nel settore della commercializzazione di pelli grezze e lavorate, si è appropriato, nel corso degli anni, dell'Iva che la società stessa avrebbe dovuto riversare all'erario per circa 3 milioni e mezzo di euro. In considerazione della rilevanza dell'importo così sottratto all'erario l'attività di servizio è stata corroborata anche dalle risultanze delle indagini finanziarie espletate sul conto del soggetto consentendo di pervenire all'esatta ricostruzione degli illeciti guadagni, che, in virtù delle disposizioni introdotte con la legge numero 223 del 2006 meglio nota come decreto Visco/Bersani, sono stati ricondotti a tassazione quali proventi illeciti. A conclusione dell'attività ispettiva, tenuto conto che il soggetto non ha mai presentato le dichiarazioni prescritte ai fini fiscali, e quindi tecnicamente qualificato come evasore totale, lo stesso è stato segnalato per il reato di omessa dichiarazione.