Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Agevolazioni per Imu e Tarsunel bilancio consuntivo 2013

Il vicesindaco: "La riqualificazione e razionalizzazione della spesa, sia nella parte corrente che in conto capitale, è stata attuata salvaguardando la qualità e la quantità dei servizi erogati"

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

- Bilancio Rispetto del Patto di stabilità interno e contenimento della spesa sono state le linee guida delle politiche di bilancio nel 2013. La riqualificazione e razionalizzazione della spesa, sia nella parte corrente che in conto capitale, è stata attuata salvaguardando la qualità e la quantità dei servizi erogati, in particolare quelli attinenti le politiche sociali per anziani e disabili, le politiche scolastiche e per l'infanzia, il trasporto pubblico locale, i servizi pubblici locali, le manutenzioni e la cultura. Il rigore nelle politiche di bilancio ha consentito di introdurre importanti agevolazioni a favore di cittadini e delle imprese, che si sono concretizzate in agevolazioni tariffarie IMU ed in un aumento dei bonus sociali a favore di titolari di utenze domestiche TARSU.   - Tributi Il 2013 è stato un anno caratterizzato da una sostanziale incertezza per la finanza locale. Malgrado ciò, prima con il Bilancio di Previsione e poi con l'Assestamento, l'Amministrazione è intervenuta su IMU, addizione IRPEF e TARSU. Complessivamente, in controtendenza con il dato nazionale e regionale, tasse e tariffe comunali sono rimaste invariate rispetto al 2012, anzi in alcuni casi ridotte, e sono state introdotte ulteriori agevolazioni tariffarie utilizzando le opportunità previste dalle normative nazionali e regionali di settore. IMU: evitato ai cittadini il pagamento della ‘mini IMU' avendo mantenuto l'aliquota sulla prima casa al 4 per mille; abolita sulle seconde case concesse in comodato gratuito ai parenti in linea retta di primo grado (genitori e figli) che le utilizzino come abitazione principale; ridotta dal 9,6 al 9,2 per mille l‘aliquota prevista per le varie tipologie di attività produttive. IRPEF: abolita per i redditi fino a 7.500 euro e rimodulate le aliquote secondo criteri di progressività ed equità fiscale. TARSU: reintrodotta al posto della TARES e differite da 2 a 3 le scadenze di pagamento nel 2014 con vantaggi economici per imprese e cittadini; previsto inoltre un ‘bonus sociale' a favore delle famiglie in regola con il pagamento della TARSU 2012 e che abbiano un ISEE compreso tra 10.000,01 e 18.000 euro per l'eventuale rimborso della tariffa (l'avviso pubblico, con scadenza 28.02.2014, è pubblicato sul sito internet istituzionale).   - Personale e formazione Il 2013 è stato l'anno della riorganizzazione della macchina amministrativa: dall'1 luglio 2013 i servizi comunali sono articolati in 10 aree funzionali, con lo stesso numero dei responsabili e senza aumentare la spesa complessiva per le indennità. La riorganizzazione e le scelte operate successivamente hanno prodotto, oltre ad una maggiore efficienza, un risparmio complessivo per l'Ente di circa 450mila euro tra spese per il personale e spese di funzionamento generale. Sono stati acquistati 50 nuovi computer per rinnovare la rete informatica comunale e migliorare le prestazioni dei servizi.   - Protezione civile Alluvione 2012: nel Bilancio è stato creato un apposito fondo comunale di 60mila euro, costituito esclusivamente da risorse comunali. Per l'utilizzo di tali risorse è stato deliberato il necessario impegno di spesa ai fini dell'erogazione di agevolazioni o contributi a favore di soggetti (privati e/o imprese) danneggiati dall'alluvione del novembre 2012. Nel 2013 è stato istituito il gruppo comunale di volontari di Protezione Civile “Città di Todi” che, secondo quanto disposto dalle leggi nazionali e dalle normative regionali, ha il compito di gestire le situazioni di emergenza e di coordinare le attività di tutti gli enti e delle associazioni di volontariato che, già da tempo, operano sul territorio comunale con competenza e professionalità attraverso un'azione univoca e collegiale. Il gruppo ora operativo è stato dotato delle prime attrezzature strumentali necessarie e di due autovetture appositamente dedicate. Nel 2014 sarà assegnata la sede operativa del gruppo utilizzando uno dei locali di proprietà comunale.   - Ambiente e servizi di nettezza urbana Nel 2013 il Comune di Todi ha superato il 67% nella raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani attestandosi tra i primi 10 Comuni dell'Umbria con più di 10mila abitanti. È stata estesa la raccolta “porta a porta” ed è stato ampliato il servizio di raccolta differenziata in diverse frazioni, che nel 2014 coprirà l'intero territorio comunale. A novembre, per la prima volta a Todi, è partito il programma di pulizia sistematica delle griglie e delle caditoie stradali per la raccolta delle acque meteoriche attraverso un calendario di interventi programmati che saranno eseguiti da Gesenu due volte l'anno fino ad aprile 2014 su tutto il territorio comunale. Buono il successo delle prime due “Giornate ecologiche” di pulizia al Parco della Rocca e al Parco del Tevere realizzate in collaborazione con Gesenu. Riscontri positivi anche per l'iniziativa educativa “Show must go green”, promossa da Gesenu, rivolta agli studenti delle scuole primarie del territorio. È partito il progetto sulle fontanelle di acqua pubblica, che prevede l'installazione di almeno 3 punti di erogazione sul territorio, il primo dei quali è in corso di realizzazione nella frazione di Ponterio: l'obiettivo è incentivare il consumo di acqua pubblica e, nel contempo, ridurre la quantità di bottiglie di plastica o di vetro immesse nell'ambiente.   - Contratti e convenzioni Sono in corso di ridefinizione una serie di contratti e convenzioni tra cui quella stipulata dalla precedente Amministrazione con Enel Sole per la gestione dell'illuminazione pubblica. Questa operazione consentirà al Comune di razionalizzare le forniture di energia elettrica con la riduzione di 120 utenze che determineranno un risparmio annuo di circa 50 mila euro. I nuovi impianti luminosi a tecnologia led, inoltre, garantiranno una migliore illuminazione pubblica, un minor inquinamento ambientale e una riduzione significativa dei consumi energetici.