Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Operazione Spada, ecco a chi sono stati notificati gli avvisi

(foto Principi)

Cesare Bertoldi
  • a
  • a
  • a

Venticinque indagati in tutto fra amministratori, ex, dirigenti e dipendenti del Comune di Terni. La procura ha chiuso la prima 'tranche' dell'indagine “'Spada”, emersa a seguito delle perquisizioni e dei sequestri effettuati nel novembre del 2016 dalla squadra Mobile di Terni e dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza e che lo scorso maggio aveva portato all'arresto del sindaco Leopoldo Di Girolamo e dell'ex assessore ai lavori pubblici Stefano Bucari. Tre i filoni rimasti in piedi relativi agli appalti per la manutenzione del verde pubblico, dei servizi cimiteriali e dei servizi turistici alla Cascata delle Marmore. In tutti questi casi gli inquirenti avrebbero individuato proroghe e frazionamenti illeciti, tali da favorire alcuni aggiudicatari piuttosto che altri. Gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari riguardano il sindaco Leopoldo Di Girolamo, gli attuali assessori Emilio Giacchetti e Francesca Malafoglia, gli ex assessori Stefano Bucari, Libero Paci, Luigi Bencivenga, Roberto Fabrini, Silvano Ricci, Sandro Piermatti, Marco Malatesta, Daniela Tedeschi, Renato Bartolini, Simone Guerra, Giorgio Armillei, Francesco Andreani, Cristhia Falchetti Ballerani, i dirigenti comunali Renato Pierdonati, Vincenza Farinelli, Luciano Sdogati, i dipendenti Federico Nannurelli, Claudio Brugia, Pasquale Sabatelli, Stefano Marinozzi, Sandro Corsi (coop Actl) e Carlo Andreucci (coop Alis).  Negli atti figura anche la compianta Carla Riccardi, deceduta lo scorso agosto ma ancora presente nell'elenco notificato dalla polizia giudiziaria. Non figurano più tra gli indagati il dipendente comunale Paolo Neri, Antonio Sabatini (coop Ultra Servizi), Nicola Cimadoro (coop SolCo), Stefano Notari (coop Alis), Luca Ascani (Gea), Gianluca Tomassi (coop La Torre), Alessandro Marinucci (coop Asso) le cui posizioni sono state archiviate dalla procura. Altre archiviazioni - per questa prima 'tranche' dell'indagine - erano state già disposte dal gip nei confronti di Massimo Piacenti e Riccardo Fioriti (All Foods) e dell'assessore al bilancio Vittorio Piacenti D'Ubaldi. Gli altri filoni riconducibili all'indagine 'Spada' - tutt'ora aperti - riguardano invece l'appalto per la refezione scolastica e il percorso di privatizzazione di Farmacia Terni.