Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perseguitava la ex compagna, arrestato per stalking

Giuseppe Magroni
  • a
  • a
  • a

Questa volta è accaduto a Papigno. A finire in manette con l'accusa di atti persecutori e minacce nei confronti dell'ex moglie e dei suoceri, un operaio di 35 anni originario del nord Italia già noto alle forze dell'ordine per reati contro la persona. L'uomo, a quanto pare, non aveva accettato la separazione chiesta e ottenuta dalla ex moglie e voleva tornare con lei a tutti i costi: minacce di morte e violenze sarebbero state all'ordine del giorno, fino allo svilimento. L'arresto è stato eseguito nei giorni scorsi dai carabinieri di Papigno che hanno così dato seguito all'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Federico Bona Galvagno. L'indagine, condotta sotto la direzione del pm Raffaelle Iannella, non è stata semplice, ma alla fine ha portato allo scoperto i continui atti vessatori e molesti che il presunto stalker avrebbe messo in atto da almeno due anni verso i suoi familiari, anche davanti ai tre figli piccoli. Il matrimonio, celebrato nel 2011, era ormai naufragato da tempo, ma, come accertato dai militari dell'Arma, nonostante la separazione consensuale avvenuta nel 2014, l'uomo aveva continuato a vivere sotto lo stesso tetto con l'ex moglie fino al 2015 quando la donna, esasperata dal calvario che doveva sopportare in casa per via dei comportamenti tenuti nei suoi confronti dall'ex marito anche in presenza dei figli minorenni, si era trasferita in un altro appartamento. Costretta sia lei che i bimbi, ma anche i suoceri, a stravolgere lo stile e le abitudini di vita, non aveva risolto la situazione in quanto l'uomo aveva persistito nella propria condotta vessatoria fatta di molestie, minacce di morte e pedinamenti. Dopo un breve periodo di calma dovuto al temporaneo trasferimento del 35enne all'estero per motivi di lavoro, al suo rientro in Italia erano ricominciate le volenze al fine di convincere la moglie a tornare con lui a qualunque costo. La donna, in preda all'ansia e alla paura, ha così deciso di rivolgersi ai carabinieri. In breve tempo l'uomo è stato arrestato.