Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

I migranti diventano volontari per rendere più bella la città

default_image

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Presentato il patto di collaborazione tra cittadini e amministrazione comunale per la cura dei beni comuni che prevede il coinvolgimento delle associazioni di volontariato che si occupano della ospitalità dei richiedenti asilo. La conferenza stampa si è tenuta nei giardini di via Saffi a Terni che rappresenta il primo esempio di "spazio urbano rigenerato" grazie all'apporto di alcuni migranti che hanno dato la loro disponibilità a partecipare in maniera volontaria a questo progetto.  GUARDA LE FOTO L'area verde è tornata a splendere grazie all'apporto di una squadra di lavoro composta da cinque migranti. Dalla prossima settimana saranno due le squadre impegnate in città. Nei prossimi giorni parteciperanno al progetto circa 20 persone. Complessivamente sono 50 i migranti che hanno dato disponibilità, a fronte degli 80 presenti a Terni come richiedenti asilo. I rimanenti 30 saranno resi partecipi dopo avere seguito un corso di lingua italiana. L'amministrazione comunale ha varato un programma di interventi che riguarderà le fioriere del centro cittadino, piazza Dalmazia, l'area verde a ridosso della ex Foresteria, il parco Gianfranco Ciaurro. "La cura dei beni comuni - dichiara il vicesindaco con delega alla Partecipazione, Francesca Malafoglia - rappresenta una priorità per questa amministrazione. Puntiamo al coinvolgimento di tutti i cittadini".