Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

“Sono stata scippata tra l'indifferenza generale": drammatica testimonianza

Giuseppe Silvestri
  • a
  • a
  • a

“Sono stata scippata nell'indifferenza generale di chi ha assistito alla scena. Prima ho istintivamente inseguito il ladro, poi sono scoppiata a piangere. C'erano diverse persone, nessuno si è avvicinato per darmi un po' di conforto o chiedermi se avevo bisogno di qualcosa o se ero rimasta ferita”. LEGGI Scippata in pieno centro a Pasquetta E' lo sfogo di una donna di Terni, un'insegnante, scippata nel giorno di Pasquetta in via Castello. Stava attraversando la strada quando le si è avvicinato un uomo a bordo di uno scooter, ladrol'ha urtata, le ha strappato la borsa ed è fuggito via. La donna per fortuna non è caduta, ha avuto l'istinto di correre dietro al mezzo, ovviamente solo qualche metro e poi si è fermata, scoppiando in lacrime per lo choc e la comprensibile paura. Per il ladro il bottino è stato magro. All'interno della borsetta ha trovato ottanta euro, le chiavi dell'autovettura della signora e ovviamente tutti i suoi documenti. A parte il valore della refurtiva, è il gesto che ha lasciato il segno. Essere derubate nel primo pomeriggio, in pieno centro e constatare che chi assiste alla scena non muove un dito, non è assolutamente piacevole. “Poteva andare davvero peggio - aggiunge l'insegnante - per fortuna non sono caduta. Ma se al mio posto ci fosse stata un'anziana?”. Giusto il tempo di realizzare cosa le era accaduto ed è ovviamente partita la telefonata al 113. “I poliziotti - racconta ancora la donna - sono arrivati nel giro di pochi minuti e sono stati molto gentili e comprensivi nei miei confronti”. A differenza dei passanti e di chi ha assistito alla scena. E' questo l'aspetto che lascia maggiormente l'amaro in bocca alla donna. “Amo profondamente la mia Terni, che sta vivendo una fase molto delicata sul fronte della sicurezza. Credo che i cittadini debbano essere i primi a reagire, anche culturalmente. Mi sembra incredibile che possa venire a mancare persino un pizzico di sensibilità e non si dia una mano ad una donna che ha appena subito uno scippo”. Possibile, ci sentiamo di aggiungere, che una signora che viene derubata con un'azione violenta in pieno centro e di giorno sia ormai diventata una scena considerata “normale” al punto che nessuno senta il bisogno, magari non di inseguire il ladro, ma almeno di preoccuparsi delle condizioni della vittima? twitter: @GiusSilver